Air Max Talk: Attilio

Air Max Talk è la rubrica di SNKRBX che vi porterà a conoscere ed incontrare i volti di alcuni tra i più rappresentativi collezionisti ed appassionati italiani (ma non solo) di uno dei modelli Nike più amati di tutti i tempi: Air Max 1.
Il nostro primo appuntamento ci porta in Emilia, precisamente a Ferrara, dove andremo a conoscere un personaggio dalle mille sfaccettature.

attilius

 

 

 

 

Ciao Attilio grazie per il tempo che ci dedichi, ti presenteresti ai nostri lettori?                                  

Ciao a tutti, sono Attilio Ceccacci aka Attilio Fuocolento, il 22 febbraio ho compiuto 44 anni, il 22 febbraio del 1985 mia zia mi regalò il mio primo paio di scape, una Nike Air Internationalist…e da li non ho più smesso.

Cosa fai nella vita?                                                                                                                                                                  

Ho passato gli anni ’90 come ufficiale in carriera nell’areonautica militare, alla soglia del 2000 capì che non poteva essere il mio mondo e rinunciai alla carriera e al posto fisso. Dopo svariati mestieri da 15 anni mi sono reinventato cuoco e da 9 ho un piccolo ristorante a Ferrara.

Quando è nata la tua passione per questo modello?

Tutto iniziò nel 2003 con la mia prima Nike Air Max 1 “Shima Shima I” che acquistai da Footlocker assieme alla Dunk e alla Trainer. Rimasi folgorato dalla loro forma, dai colori e dai particolari come il Kanji Giapponese sulla linguetta.

La cosa che ti ha fatto innamorare di questo modello?

Tutto, partendo dallo shape che è uno dei più belli di sempre, il concept che ci sta dietro, la varietà di colori e i dettagli in ogni loro aspetto. Secondo il mio punto di vista Tinker Hatfield ha creato un capolavoro, secondo il mio punto di vista “Le Air Max sono i barattoli di Campbell di Andy Wharol, icona Pop uguale ma sempre diversa”.

Quali sono state le tue influenze e il tuo background?

Sicuramente la primissima scena di skate a Roma nei primi anni ’90, sono figlio della New Wave, anche il mio anno di vita a Londra dove ho vissuto la libertà di essere come apparire e il non seguire una moda ma crearla.

Perché Air Max? Moda o Comfort?

E’ un icona in tutte le sue forme, ovviamente ha anche rivoluzionato il mondo dello sport in generale, ma dal mio punto di vista la vedo come un caposaldo di Moda.

Come vedi lo sneakergame a livello attuale?

Zero conoscenza e passione, ora è pieno di gente che si mostrà più forte a suon di banconote che molto spesso non sono loro.

La tua top 3 di sempre?

3 – Air Max 1 “Mid Autumn Festival” – La colorazione, l’uso dei materiali e i dettagli rendono queso modello uno dei più belli di sempre.
2 – Air Max 1 “Atmos Safari” – Non ci sono parole, un capolavoro.
1 – Air Max 1 “Powerwall – Morning Glory” – Il mio sacro Graal

La tua top 3 di quelle che possiedi?

3 – Nike Air Max 1 “Shima Shima I” – Il primo amore non si scorda mai

intervista 1 1
2 – Nike Air Max 1 “Atmos Viotech”

intervista 1 2
1 – Nike Air Max 1 “Atmos Elephant” – Con l’elephant print tutto è più bello

intervista 1 2

 

 

Grazie ad Attilio. Per scoprire chi sarà il prossimo, e tutti i contenuti riguardanti Air Max Day, restate con occhi ed orecchie ben aperte, sempre qui su SNKRBX!