Come Kyrie Irving sta salvando (da solo) lo Sneakergame nell’NBA

Da sempre il basket gioca un ruolo fondamentale nella sneaker culture, prestanto designer, scarpe e testimonial al ben più vario mercato delle sneakers. Non è quindi un caso che per moltisismi basket NBA e sneakers siano passioni che convivono, sfociando spesso in atti di idolatria come indossare le scarpe del proprio giocatore preferito o, più semplicemente, nello “spotting” dei modelli indossati ogni sera dai campioni NBA.

Non siamo più negli anni ’90, dove questo esercizio consisteva nel dover fissare gli sgranati (e mai fermi) “still” di qualche videocassetta alla ricerca di nuovi modelli o nuove colorways, ormai sono i social network a farla da padrone e questo fattore da un lato toglie il fattore sorpresa, ma crea enormi possibilità di discussione tra appassionati riguardo le sneakers indossate ogni sera.

Nell’NBA di oggi, complice anche l’ammorbidimento delle letali regole di Dress Code, noi amanti delle scarpe belle possiamo godere di una lunga schiera di “figli di Gilbert Arenas 2010/2011” che ogni sera ci deliziano indossando Retro, PE, samples mai visti, custom e così via. Purtroppo non siamo più nel 2011, non basta più Arenas in maglia Magic che indossa delle Air Jordan 11 vecchie di 10 anni per fare scalpore e la situazione si sta decisamente appiattendo, nonostante elementi di grande spessore sneakerologico come P.J. Tucker e DeMar Derozan continuino ad emozionarci sera dopo sera.

In questo contesto di sneakers esclusive e social network si inserisce perfettamente Kyrie Irving.
Da inizio stagione la guardia dei Celtics sta indossando i suoi ultimi due Pro Model, Nike Kyrie 3 e Kyrie 4, in colorazioni esclusive davvero stupende e (finalmente) molto lontane dagli standard dell’odierno Sneakergame NBA.

Le colorways sono davvero particolari e ricche di dettagli e backstory molto interesanti, come quelle ispirate a vecchie Dunk SB o quelle che celebrano il “Celtic Pride” della nuova stella biancoverde.

Ad inizio stagione Irving ha utilizzato una Kyrie 3 che rirpendeva colori e dettagli della Dunk Low SB “Raygun“, colorway del 2005 che a sua volta si ispirava alle divise dei Roswell Rayguns, una finta squadra ABA protagonista di un vecchio spot di Nike Basketball.

A questa sono seguite varie colorazioni legate ai colori sociali dei Boston Celtics come la “Fade“, utilizzata in alcune gare di casa, la “Fear” utlizzata per il debutto della Statement Jersey, la “Luck” e la “Shamrock” che riprendono i disegni della divisa di Lucky, la mascotte dei Celtics.

Sempre utilizzando come base la Kyrie 3, Irving ha indossato anche colorazioni molto particolari come la “Pride” e la “Lobster“, oltre ad una versione con base olive ed arancio simile allo schema di colori “Undefeated“, molto apprezzata dai fans.

Con il lancio della Kyrie 4 si è visto il debutto della “Confetti“, ideata per motivare al massimo Irving ispirandosi ad uno dei momenti più duri della sua carriera, ovvero la sconfitta nelle Finals 2017. In occasione della partita di Londra contro i 76ers fa il suo debutto la Kyrie 4 “LDN PE” (che vi abbiamo raccontato QUI), anche in questo caso la colorway è completamente slegata dai colori sociali dei Celtics, per lasciare spazio a dettagli ispirati da Londra e dalla musica classica.

Proprio durante la trasferta europea Irving è stato fotografato durante l’allenamento della vigilia mentre indossa la Nike Dunk Low SB “What the Dunk”, una delle più rare ed amate dai collezionisti.
L’interesse di Irving nei confronti delle vecchie colorways di Dunk SB è diventato ancor più palese questa notte. Infatti, durante la partita dei Celtics contro i Cleveland Cavaliers di LeBron James, Kyrie ha indossato uno stupendo PE giallo della Kyrie 4, con colorway e dettagli ispirati (o forse no, attendiamo conferme) alla Dunk SB “Yellow Lobster” ideata proprio dal team dello store di Boston Concepts e prodotta in soli 24 pezzi. La colorway è infatti ispirata alle aragoste gialle del Maine, una variazione cromatica estremamente rara dell’animale che per questo si adatta alla perfezione alla tiratura limitatissima della Dunk in questione.

A quanto pare FootLocker ha confermato tramite Twitter che questa Kyrie 4 “Yellow Lobster PE” sarà messa in vendita, proprio come la Kyrie 3 “Luck” e la Kyrie 4 “LDN PE”, entrambe rilasciate in quantità molto limitate.

Proprio con l’utilizzo di queste colorways molto particolari, Irving sta creando un nuovo trend nello sneakergame targato NBA portando sul parquet, soprattutto con le versioni ispirate a Dunk SB, elementi della Sneaker Culture normalmente esterni al basket, il tutto dando enorme esposizione ai suoi Pro model.