Countdown di fine 2014. Meno 5: cinque scarpe per cinque sport

Abbiamo deciso di accompagnarvi al 2015 con uno speciale countdown che ripercorrerà alcuni dei momenti più rilevanti nel 2014 dello sneakergame. Non c’è un leitmotiv preciso, non sarà la canonica Top 10, solo la riunione delle nostre teste bacate nel discutere su cosa ci è piaciuto e cosa no delle produzioni dell’anno che volge al termine.

We decided to wait the 2015 with a special countdown in which we’ll analyze the most relevant moments on the 2014 of the sneakergame. We don’t have worked in a specific manner, this is just the product of our brainstorming on what we liked and what we don’t liked of this year.

Diamo un’occhiata alle cinque scarpe “tecniche” per le cinque categorie sportive più vicine allo sneakehead medio: ovviamente basket e running la fanno da padrone, sconfinando quanto più possibile nel lifestyle, però abbiamo voluto selezionare cinque silhouette certamente da ricordare in questo 2014.
Partiamo dal calcio: le novità in campo tecnologico e dei materiali sono state molteplici, basti pensare a tutto quello che abbiamo visto indossare durante la Coppa del Mondo in Brasile; per questo abbiamo scelto la scarpa più indossata ed amata dagli stessi calciatori sul prato verde: adidas Samba Primeknit.

Let’s take a look to five “technique” shoes for the five sport-sneakerhead categories: obviously basketball and running are the ones,  becoming lifestyle shoes overtime, but we wanted to choose five sporty silhouettes to remember in this 2014.
Starting from football, this 2014 was plenty of technology and new material innovations, thinking at what we saw during the Brazil World Cup this summer. We chose one of the most used and loved shoe from players on world’s green courts: adidas Samba Primeknit.

adidas-samba-primeknit-01

Passare dai cugini del rettangolo verde a quelli del parquet, la strada è più breve di quel che si pensi: ma non c’è marchio che tenga, qui il padrone assoluto è Jordan. Trovare la Jordan XI Low ai piedi del proprio campione di casa, con lo sbarco ufficioso dell’endorsement nel campionato italiano di Serie A durante un’epica finale scudetto ha acceso i riflettori sui palazzetto di casa nostra: ed ecco appunto l’undicesimo capitolo della saga Jordan, nella versione Low e nella colorazione più amata in assoluta, quella Concord così semplice eppure così azzeccata, ai piedi di un Alessandro Gentile in versione MVP è la nostra scelta per la scarpa da basket dell’anno.

From the green rectangle to its on-court parquet cousins, road is shorter than you think. There is no other brand that rules here as master Jordan. Finding an Air Jordan XI Low on your own local champion feet, as the unofficial landing of endorsement marketing strategy in the Italian Basketball Championship during an epic final, turned the lights on: the eleventh chapter of Jordan shoes, in the absolutely most loved “Concord” colorway, worn by Milan’s MVP Alessandro Gentile is our choice for the basketball shoe of the year.

j-xi-low-concord-01

Ritorniamo all’aperto: dalla terra rossa ai prati, la bella stagione ha spalancato le porte ad uno sport solo, fatto di muscoli, reattività e coraggio. Poteva mancare dunque un omaggio al tennis?
Al di là delle critiche e dell’amore piovuti sullo sposalizio Jordan Brand-Roger Federer, di sneaker “tennis” questo 2014 è stato ricco di novità e grandi ritorni. Uno su tutti, la Nike Air Tech Challenge, cara al buon vecchio Agassi, ma soprattutto capace di rinfrescare il panorama con la versione “Australian Open”: un must per quest’annata.

Back outside, from clay to grass courts, warm weather opened the doors to a solo sport, consisting of muscles, responsiveness and courage. Therefore could we miss a tribute to tennis?
Beyond the critics on marriage between Jordan Brand and Roger Federer, tennis sneakers during 2014 were really a lot. One above all, the Nike Air Tech Challenge, from Agassi times, capable of refreshing the sneaker world with this “Australian Open”, definitely a 2014 must have.

nike-air-tech-challenge-australian-open-01

Uno sport riconosciuto dalle autorità proprio non è, ma non potevamo non inserire nelle cinque categorie sportive care ad un appassionato di sneaker la tavola a ruote. In casa skate è sempre più difficile distinguere ciò che è tecnico da ciò che è moda; ma un’icona è un’icona, e la deduzione che ne consegue è che Nike SB ha controllato il mercato in lungo ed in largo con la Dunk Hi “Tiffany”. Che probabilmente nessuno oserà abbinare alla tavola e rovinare con trick andati a buon fine e cadute, ma rimane segno distintivo della passione per lo skate.

Not recognized by the authorities (at least not by police), but we had to mention in this particular classification of sports shoes a primary position for skate. Here it’s everyday more difficult to distinguish technical from fashionable sneakers, but if something’s an icon it definitely should be named, so the shoe we loved is that Nike SB Dunk Hi “Tiffany”. Which probably no one will dare to use over the skateboard and spoil between tricks and falls, but remains an hallmark of skateboarding passion.

nike-sb-dunk-hi-tiffany-01

Nel running vale lo stesso discorso affrontato in precedenza: il confine tra scarpa tecnica e scarpa “da passeggio”, quotidiana, si fa sempre più sottile, fino quasi a scomparire. Tralasciando che sempre più persone affrontano la corsetta mattutina, la passeggiata oppure l’allenamento al parco alla stessa maniera, la calzatura da jogging e da running abbraccia lo stile sportivo dei giovani e dei meno giovani. E, nell’anno che ha visto i colossi delle sneaker combattersi fette di mercato a colpi di comodità e tecnologia, una sneaker è arrivata in sordina ma ha conquistato gli amanti della corsa così come quelli della “passeggiata” al centro commerciale: adidas Pureboost, grazie soprattutto all’innovativa suola “boost” all’apparenza una sorta di polistirolo gommoso, ma veramente comoda anche se poco performante; un must have estivo, dunque, che abbiamo scelto nella sua apparizione “Reveal”, ignorante al punto giusto.

Running world is the same all over: boundaries between technical and everyday shoe is getting thinner and thinner, almost to disappear. Let’s say that more and more people face the morning jog or workout at the park in the same way, jogging and running footwear embrace a sporty style for everyone; in a year where giants of the sneaker market fought by comfort and technology blows, a sneaker appeared quietly but conquered the heart of runners as well as of those who prefer the Sunday’s mall walk: adidas Pureboost, thanks to its innovative “boost” sole, really comfortable though poorly performing; a Summer 2014 must have, in its “Reveal” colorway.

adidas-pure-boost-reveal-01

Ora tocca a voi: nell’attesa del Meno 4, domani alla stessa ora, fateci sapere un po’ quali sono state le scarpe tecniche assolutamente da avere in questo 2014!

Now it’s your turn: waiting tomorrow for the next 4’s, at the same time, let us know what you chose for this 2014 as a technical and sporty sneaker!