NBA Feet: 31 Ottobre 2014

SAN ANTONIO SPURS 89 – PHOENIX SUNS 94

 

E’ con questo spirito che Goran Dragic e i Phoenix Suns attendono i campioni in carica degli Spurs, complice l’imminente notte di Halloween i Suns combinano un bello scherzetto alla truppa di coach Popovich.
Una vittoria che arriva dopo un primo quarto disastroso per i padroni di casa, che riescono ad andare in svantaggio di 13 punti in dodici minuti a causa della scarsa (e siamo stati gentili nei loro confronti) precisione al tiro.
Ci vogliono sei minuti, nel secondo quarto, alla squadra dell’Arizona per recuperare lo svantaggio iniziale ed impattare il pareggio a quota 30 punti.
La classe del duo Duncan-Parker rimette le cose al loro posto in pochi secondi ma, ormai, la partita ha un agonismo diverso.
I Suns sono rientrati pienamente in partita e con loro Eric Bledsore, immarcabile per i difensori texani e vero dispensatore di un gioco vivace e divertente.
A tre minuti dal suono della sirena è Isiah Thomas a portare avanti i padroni di casa e gli Spurs sembrano non reagire. Per i detentori del titolo nei dodici minuti finali le 5 triple (tre delle quali consecutive del nostro Marco nazionale) mandate a segno sono l’unica cosa che gli evita una sconfitta dal passivo ben più pesante.

With this mood Goran Dragic and Phoenix Suns are waiting the Champions, the Spurs, and due to Halloween night this was Suns’ treat to Popovich’s troop. This won came after a horrible first quarter, with Phoenix going under 13 points in 12 mins due to their lack of shooting accuracy. It takes 6 mins of the second quarter to Arizona’s team to recover the handicap and get the draw at 30 points.
Duncan-Parker class fixes everything but the competitiveness of the game is different now. Suns are in the game with Eric Bledsoe, unstoppable for Texan defenders and handing out a rich, intense and funny gameplay.
Three minutes to the end and Isaiah Thomas makes Suns lead the game with Spurs looking not able to react. For the title holders, last 5 three pointers (3 from our Marco Belinelli) just avoid a larger passive.

Eric Bledsoe (Nike Zoom Soldier 8)

Eric Bledsoe (Nike Zoom Soldier 8)

Isaiah Thomas (Jordan CP3.VII)

Isaiah Thomas (Jordan CP3.VII)

Kawhi Leonard (Air Jordan VI PE)

Kawhi Leonard (Air Jordan VI PE)

Markieff Morris (Nike Air Foamposite One “Triple Black”)

Markieff Morris (Nike air Foamposite One Triple Black)

Tony Parker (Peak TP2)

Tony Parker (Peak TP2)

CLEVELAND CAVALIERS 114 – CHICAGO BULLS 108

Ci sono quelle partite per cui vale la pena spendere una notte insonne. Solitamente sono anticipate da una lunga attesa e da una serie di attacchi verbali. Ma qui siamo alla quarta giornata di questo lunghissimo campionato e ancora gli animi devono scaldarsi. Le attese di vedere i Cavaliers, dopo l’opaca prova casalinga, giocare a Chicago contro i Bulls del ritrovato D-Rose sono già alte e se in campo scende gente come Noah… beh allora lo spettacolo ci sarà di sicuro.
LBJ, sempre sotto l’occhio della critica, è stato massacrato mediaticamente dopo la prima sfida dei suoi nuovi Cavs. I soli 17 punti hanno dato spunto agli addetti ai lavori per aprire bocca, lo aspettavano al varco.
Ci si aspettava da lui una risposta che non ha tardato ad arrivare. Dopo i primi due quarti, il Re aveva già eguagliato lo score della giornata precedente. Sono i Cavs a fare l’incontro ma, grazie ad uno splendido Rose e ad un precisissimo Hinrich, i Bulls riescono a rimanere in scia.
Il team dell’Ohio è sempre più squadra, il che non fa sperare niente di buono per tutti gli avversari. Si vedono sprazzi di un gioco fantastico da una parte e dall’altra del campo, nonostante le poche partite sulle gambe.
Si arriva addirittura all’Overtime dove il Prescelto sale decisamente in cattedra e porta alla vittoria esterna i suoi compagni.
36 punti, 8 rimbalzi, 4 assist e 4 palle rubate… forza detrattori, fateci sorridere.

There are games that are worth a sleepless night. Normally they are anticipated by a long wait and a debates. It’s only the 4th day of matches and we are still cool. The wait to see Cavs playing against Bulls after their first lackluster home game was long, and if we can see on court players like Noah… it’ll be a show for sure.
LBJ, always underneath the critics, was massacred by media after the first match. Only 17 points, they were just looking forward to his fail and waiting for this.
We were expecting his reaction, and we didn’t wait too long. After two quarters, The King already scored his last match total points. Cavs led the game but thanks to a wonderful Rose and a precise Hinrich, Bulls were able to stay in the wake of the game.
Ohio’s team increases their teamplay, no good news for the opponents. We can see sparkles of a fantastic gameplay side to side of the court, despite few games played. The match goes Overtime where The Chosen One gets in the chair and brings his team to victory with 36 points, 8 rebounds, 4 assists and 4 steals… let’s go mudslingers, make us laugh.

Aaron Brooks (Nike Zoom Run The One), Matthew Dellavedova (Nike Kobe 8 System)

Aaron Brooks (Nike Zoom Run The One), Matthew Dellavedova (Nike Kobe 8 System)

Derrick Rose (adidas D Rose 5 “Alternate Home”)

Derrick Rose (adidas D Rose 5 Alternate Home)

Kyrie Irving (Nike Hyperdunk 2014 PE)

Kyrie Irving (Nike Hyperdunk 2014 PE)

LeBron James (Nike LeBron 12 “Lion Heart”), Taj Gibson (adidas Crazy Ghost 2014)

LeBron James (Nike LeBron 12 Lion Heart), Taj Gibson (adidas Crazy Ghost 2014)

MILWAUKEE BUCKS 93 – PHILADELPHIA 76ERS 81

In campo al BMO Harris Bradley Center di Milwaukee due dei giovani più promettenti di tutta la NBA, uno per squadra. Da una parte quel Jabari Parker che sorprende per la facilità di gioco e dell’altra il tecnicissimo Nerlens Noel.
Entrambi concluderanno con una doppia doppia e questa ci pare la cosa più interessante della partita. Si perchè sia i Bucks che i Sixers sono ancora in una fase embrionale del loro progetto. A vederli da un punto di vista di crescita potenziale i Bucks di coach Kidd potrebbero veramente diventare qualcosa di divertente.
L’incontro si conclude per i Sixers quando mancano 8.12 minuti alla fine del match. Sembra incredibile ma, fino a quel momento, gli ospiti erano sempre stati in partita ed il risultato era sempre equilibrato. Poi il blackout.
La franchigia della Pennsylvania smette di giocare. Dalla tripla di Thompson non mette dentro nemmeno più un tiro. Roba da non credere per una squadra NBA.
Vittoria facile per i Bucks visto il ritiro tecnico degli avversari.

BMO Harris Bradley Center in Milwaukee, two of the NBA best Rookies, one per team.
On one side Jabari Parker and his ease of playing, on the other side Nerlens Noel and his technique.
Both will end the game with a double-double and this is the most interesting fact of the match. Both teams are still at the beginning of their project and looking at them, potentially Jason Kidd’s Bucks could really become something entertaining.
Sixers’ match ends 8.12 mins before the end of the match. It seems incredible but, till that moment, the match was balanced and then, the blackout.
Pennsylvania franchise stopped playing, after Thompson 3 pointer they didn’t score any other shot. Unbelievable, specially for a NBA team. Easy win for Bucks for TKO.

Ersan Ilyasova (adidas adiPure Crazy Quick)

Ersan Ilyasova (adidas adiPure Crazy Quick)

Jabari Parker (Jordan Super.Fly 3), Larry Sanders (Nike Kobe IX Elite “Gold”)

Jabari Parker (Jordan Super.Fly 3), Larry Sanders (Nike Kobe 9 Elite Gold)

Kendall Marshall  (Air Jordan XX9)

Kendall Marshall  (Air Jordan XX9)

PORTLAND TRAIL BLAZERS 94 – SACRAMENTO KINGS 103

Che partita alla Sleep Train Arena di Sacramento!
La squadra rivelazione della passata stagione, quei Blazers che hanno stupito e spaventato tutti gli avversari anche nei Playoff, sono ospiti dei Kings.
Ne esce un incontro divertente con il risultato che si mantiene in bilico per tre quarti del gioco, per poi lasciare spazio ai padroni di casa che piazzano dieci punti di distacco agli avversari nei 12 minuti finali.
Mattatore dell’incontro è Rudy Gay che fa segnare sul suo personal score una prestazione da 40 punti.

What a match at Sleep Train Arena in Sacramento!
Last season revelation team, those Blazer that amazed and frightened all the opponents in the Playoffs, are Kings hosts.
We got an amusing match with an uncertain result for three-quarters of the game, leaving room to masters of the house placing 10 points against the opponents during last 12 minutes.
Star performer is Rudy Gay with a personal score of 40 points.

Damian Lillard (adidas Crazy Light Boost “Dame”)

Damian Lillard (adidas Crazy Light Boost Dame)

Darren Collison (adidas Crazy Ghost 2014)

Darren Collison (adidas Crazy Ghost 2014)

LaMarcus Aldridge (Air Jordan XI “Playoffs”)

LaMarcus Aldridge (Air Jordan XI Playoffs)

Ramon Sessions (Jordan Super.Fly 2)

Ramon Sessions (Jordan Super.Fly 2)

Rudy Gay (Nike Hyperdunk 2014 PE)

Rudy Gay (Nike Hyperdunk 2014 PE)

LOS ANGELES CLIPPERS 118 – LOS ANGELES LAKERS 111

Il derby losangelino è uno di quegli incontri che tutti vorremo vedere almeno una volta nella nostra vita.
I talenti in campo sono moltissimi e lo spettacolo è assicurato da un agonismo che va al di là della semplice prestazione fisica.
Partita equilibrata fino all’ultimo minuto quando i Clippers piazzano i punti finali davanti a una attonita difesa avversaria. Il tentativo da tre di Kobe di riaprire l’incontro finisce sul ferro, condannando i Lakers al terzo risultato negativo in altrettante gare giocate. Kobe Bryant è tornato per essere, come al suo solito, protagonista e questo è un bene per la lega di basket più spettacolare al mondo.
Dall’altra parte del campo come non lustrarsi gli occhi davanti alla mostruosa prestazione di Blake Griffin? Il 32 della squadra di coach Rivers mette a segno una prestazione da 39 punti, 7 rimbalzi e anche 4 assist.
Potrebbe bastare questo ma nei Clippers gioca il tre volte miglior sesto uomo dell’anno, quel Jamal Crawford che quando prende la palla da oltre la linea di tre punti fa sembrare il canestro una vasca e raramente perdona chi non lo marca.
Decisamente una prova che fa svanire tutti i dubbi sui Clippers avuti da chi, dopo la prima gara vinta con molta fatica, si era già fatto mille dubbi sull’attendibilità dei losangelini come competitor per il titolo.

Hallway Series is one of those matches that we all want to watch at least once in our life.
Talent on court is big and the show is guaranteed by a competitiveness that goes beyond the simple physical performance. Juggle game till the last minute where the Clips score last points against an astonished opposing defense. Kobe’s attempt from the arch to open again the match failed, sentencing the third Lakers’ negative result in a row. Bryant came back to be, as usual, a key player and this is good for the most spectacular league worldwide.
On the other side of the court, what about the monstrous performance of Blake Griffin? Coach Rivers’ #32 reports 39 pints, 7 rebounds and 4 assists. This could be enough but Clippers have on their side the 3 times 6th Man of the Year, that Jamal Crawford that from the arch makes the hoop look like a tub, so easy how he scores, specially if you donìt mark him properly.
For sure a choral performance that dissipates all the doubts on Clippers we had, after the first not brilliant won match, if they could seriously be a title contender.

Blake Griffin (Jordan Super.Fly 3 PE)

Blake Griffin (Jordan Super.Fly 3 PE)

Chris Paul (Jordan CP3.VIII PE)

Chris Paul (Jordan CP3.VIII PE)

Jeremy Lin (adidas Crazy Quick 2 Low PE)

Jeremy Lin (adidas Crazyquick 2 Low PE)

Kobe Bryant (Nike Kobe IX EM PE)

Kobe Bryant (Nike Kobe 9 EM PE)

MEMPHIS GRIZZLIES 97 – INDIANA PACERS 89

Il Top Scorer dei Pacers nell’incontro casalingo contro i Grizzlies è Chris Copeland che, partendo dalla panchina, mette a segno 16 punti.
Questo basterebbe a far capire quanto è necessario per questa franchigia l’apporto di Paul George (che per la cronaca si allena già dopo l’incidente accorso nell’incontro con il Team USA). Purtroppo la squadra di Larry Joe Bird dovrà coesistere in questa stagione con la terribile ipotesi di non vedere il proprio talento migliore per tutta la durata almeno della Regular Season.
Non è facile per i Grizzlies di Gasol e Randolph avere la meglio sui padroni di casa, ma il terzo quarto con 19 punti di distacco dati agli avversari, facilita il compito alla franchigia del Tennessee.

Pacers’ Top Scorer against Grizzlies is Chris Copeland, starting from the bench, that chalks up 16 points.
That’s enough to make clear how essential is Paul George’s contribution (for the record, he’s already training after the terrible injury with USA Team). Unfortunately for Larry Joe Bird’s Team, they have to bear with missing their best player at least for the whole Regular Season.
It’s not easy for Gasol & Randolph’s Grizzlies to defeat the masters of the house, but the 3rd quarter with 19 points lead, makes Tennessee’s franchise work easier.

C.J. Miles (Peak Team Lighting)

C.J. Miles (Peak Team Lighting)

Courtney Lee (Jordan Super.Fly 2)

Courtney Lee (Jordan Super.Fly 2)

Mike Conley e Rodney Stuckey (adidas Crazy Light Boost)

Mike Conley e Rodney Stuckey (adidas Crazy Light Boost)

Dopo le numerose richieste torna per voi la clip con le migliori giocate della notte. Godetevele!

As requested, we propose back the video with the best plays of the night. Enjoy them!

 

Photo Credits: ESPN