NBA Feet: Edizione Playoff, Gara 3. Heat Vs Bucks

Ray Allen diventa leader dei tiratori da 3 punti nei Playoff. Questa la premessa con cui raccontiamo Gara 3 tra Miami e Milwaukee. Proprio contro la sua prima squadra NBA, Sugar Ray mette a segno un altro dei suoi record, aiutando i suoi Heat a completare una vittoria facile per 104 a 91.
A questo punto possiamo dire fallito il pronostico di Brandon Jennings che vedeva i suoi Bucks vincere sugli Heat in sei gare. Ora, anche se l’inavverabile si avverasse, servirebbero comunque sette gare ai Bucks per avere la meglio sulla squadra della Florida.
Per la terza gara della serie ci si trasferisce al Bradley Center, nella città che ha dato i natali alla casa motociclistica più famosa al mondo, la Harley Davidson. Il numero 34 degli Heat risulta essere anche il Top Scorer dell’incontro con 23 punti. Doppia doppia per Chris Bosh con 16 punti e 14 rimbalzi. Serata di buio per D-Wade che mette a referto solo 4 punti in 36 minuti di gioco, mentre LBJ ne segna 22. Salgono sempre di più le quotazioni e i minuti in campo per The Birdman Andersen, che grazie all’intensità di gioco e a numeri convincenti si sta facendo spazio nelle rotazioni di coach Spoelstra.

Partita decisamente sottotono per i Bucks, schiacciati dalla superiorità manifesta degli Heat sotto tutti i punti di vista. Jennings ed Ellis scendono in intensità e la squadra fa fatica a girar palla, tanto che Monta Ellis riesce a mettere a referto solo 7 punti e 6 assist. Decisamente la sua peggior partita in questa serie. Poco meglio riesce a fare l’ex Virtus Roma con 16 punti, 8 assist e 5 rimbalzi.
Diciamo che più per lo spettacolo in campo i Bucks verranno ricordati per i cambi tra primo e secondo tempo… ma i cambi di scarpe da parte di Monta Ellis, che anche in questa Gara 3 non si è fatto mancare nulla.

Monta Ellis, Air Jordan XVII White/Varsity Red–Charcoal 

Mario Chalmers, Spalding Threat e Monta Ellis in Air Jordan VII Hare

LeBron James, Nike LeBron X PS Elite

Dwyane Wade, Li-Ning Way of Wade Encore e Mike Dunleavy con le Nike Kobe 8 System iD

Brandon Jennings, Under Armour Prototype 2 Low e Ray Allen in Air Jordan XX8 PE

Chris Bosh, Nike Hyperposite PE

 

Photo Credits: ESPN, Counter Kicks