NBA Feet – Gennaio 2016

Gennaio è stato il mese in cui, come sempre, sono stati definiti i roster dell’All Star Game, ma prima ancora dei giocatori ciò che ci interessa sono i coach selezionati; se ad Ovest la presenza di Gregg Popovich non ha destato particolari sorprese, ad Est ci sarà uno che fondamentalmente è lì per puro caso, è lì perché “si è ritrovato” vice allenatore della squadra con il miglior record dell’Eastern Conference quando l’head coach, quella buonanima di David Blatt, è stato licenziato perché nello spogliatoio era stato desautorato o, meglio ancora, l’autorevolezza non era mai riuscito a raggiungerla (vuoi anche perché in quello spogliatoio ha residenza, domicilio e dimora uno ingombrante per fisico, ego e aura, tale Lebron James). Il fortunato panchinaro è Tyronn Lue, uno passato alla storia per essere stato “calpestato” da Allen Iverson in Gara 1 delle Finals 2001 dopo che AI l’aveva fatto svenire con uno dei suoi mortiferi crossover. Che poi, permettetemi di fare l’Avvocato del Diavolo, io quella partita l’ho vista più volte e il “povero” Lue stava anche giocando discretamente … fino a quella sliding door.

Ad ogni modo, onore a Lue che andrà a Toronto ad allenare il quintetto di popolare chiamata composto da Lebron James, Paul George, Carmelo Anthony, Dwyne Wade, Kyle Lowry, supportati da Jimmy Butler, DeMar DeRozan, Paul Millsap, Andre Drummond, Chris Bosh, John Wall e Isaiah Thomas.

Il coach degli Spurs guiderà invece Kobe Bryant, Kevin Durant, Kawhi Leonard, Stephen Curry, Russell Westbrook, Draymond Green, James Harden, Chris Paul, Klay Thompson, Anthony Davis, DeMarcus Cousins, LaMarcus Aldridge.

Ad Ovest uno che l’All Star Game l’ha assolutamente meritato incastonando mega prestazioni è DeMarcus “Boogie” Cousins. Il centro dei Sacramento Kings il 26 gennaio ha segnato 56 punti (career high e massimo stagionale nella Lega), e  in generale ha chiuso il primo mese dell’anno con 31,5 punti e 12,9 rimbalzi ad allacciata di sneaker. Qui vi mostriamo i suoi piedi da ballerina mentre calzano una stupenda PE delle stupende di per sé Nike Hyperrev 2016.

Demarcous Cousins Hyperrev 2016 PE

Le ottime statistiche di Boogie non gli sono comunque bastate per mettere in bacheca il premio come miglior giocatore del mese ad Ovest, andato a Kevin Durant (28,5 punti – 9,3 rimbalzi – 4,3 assist), mentre ad Est il titolo è andato in coabitazione a due sodali che stanno mantenendo la propria squadra seconda nella Eastern Conference: DeMar DeRozan (23,9 punti – 4,2 rimbalzi – 3,8 assist) e Kyle Lowry (21,7 punti – 5,5 rimbalzi – 6,7 assist – 2,4 recuperi) dei Toronto Raptors.

Qui vi mostriamo DeRozan mentre scende in campo con le Nike Air Foamposite One “Wheat”.

demar-derozan nike foamposite one wheat

Gennaio è anche il Black History Month, ovverosia il mese in cui si onora la comunità afroamericana; gli sneaker brand anche quest’anno hanno proposto delle linee ufficiali e delle PE ad hoc, e qui ve le mostriamo. Ci sentiamo di dire che la palette usata da Nike ha sbancato!

nike-kobe-11-bhm
Jrue Holiday – Nike Kobe 11 “BHM”
NBA: Chicago Bulls at Detroit Pistons
Derrick Rose – adidas D Rose 6 “BHM”
nike-air-max-audacity-bhm mason plumlee
Mason Plumlee – Nike Air Max Audacity “BHM”
adidas-crazylight-boost-2_5-bhm
Tim Frazier – adidas Crazylight Boost 2.5 “BHM”
nike-kyrie-2-bhm
Kyrie Irving – Nike Kyrie 2 “BHM”
nike-hyperdunk-2015-bhm pau gasol
Pau Gasol – Nike Hyperdunk 2015 “BHM”
stephen-curry-under-armour-curry-two-bhm
Stephen Curry – Under Armour Curry Two “BHM”
nike-hyperlive-bhm iguodala
Andre Iguodala – Nike Hyperlive “BHM”
nike-hyperquickness-2015-bhm ish smith
Ish Smith – Nike Hyperquickness 2015 “BHM”
adidas-d-lillard-2-bhm lillard
Damian Lillard – adidas D Lillard 2 “BHM”
nike-hyperrev-2016-bhm Richaun Holmes
Richaun Holmes – Nike Hyperrev 2016 “BHM”
nike-lebron-soldier-9-bhm Jahlil Okafor
Jahlil Okafor – Nike LeBron Soldier 9 “BHM”

 Il primo mese del 2016 passerà agli archivi anche per il debutto del 30esimo episodio della dinastia firmata Air Jordan. La Jordan XXX è stata ufficialmente presentata il 14 gennaio e approderà sugli scaffali il 12 febbraio.

La Jordan XXX è l’epitome della dimensione globale raggiunta dal brand, che ha staccato i piedi da terra già da un po’ (emblematica in sede di presentazione la silhouette di MJ ripresa dallo Slam Dunk Contest 1988) e mira allo spazio aperto. La scarpetta continua sulla strada tracciata dalla XX9, della quale riprende la suola, mentre la tomaia è in Flyweave.

Eccola ai piedi di Russell Westbrook per la sua Prima on-court.

russell-westbrook-debuts-air-jordan-30-5

Rinnovandovi l’appuntamento per il prossimo mese, vi lasciamo con le 10 migliori giocate di gennaio e con la solita corposa panoplia di scarpette. Ci aggiorniamo a Marzo!

 

-pj-tucker air jordan X sacramento city pack
P.J. Tucker – Air Jordan X OG “Sacramento”
Atlanta Hawks v Denver Nuggets
Dennis Shroder – Nike Kyrie 1 iD
NBA: Houston Rockets at Los Angeles Lakers
James Harden – adidas Crazy 1 “White”
jimmy-butler-air-jordan-xx9-marquette-pe-3
Jimmy Butler – Air Jordan XX9 “Marquette” PE
Dallas Mavericks v Houston Rockets
Josh Smith – Brandblack Ether
-markieff-morris blue mirror
Markieff Morris – Nike Air Foamposite One “Blue Mirror”
monta-ellis-air-jordan-9-bentley-ellis-1
Monta Ellis – Air Jordan IX “Bentley Ellis”
nick-young-adidas-yeezy-750-boost-black-3
Nick Young – adidas YEEZY Boost 750 “Black”

Photo Credits: NBAE, USA Today Sports