NBA Feet: Playoff, 22 Aprile 2014

Seconda giornata di Gara 2 di questi Playoff.
Sei squadre scendono in campo per affrontarsi a viso aperto, chi per recuperare lo svantaggio, chi per confermare quello che di buono si è fatto nella partita d’esordio.

INDIANA PACERS 101 – ATLANTA HAWKS 89

 

Partiamo dai primi della classe per quanto riguarda la Eastern Conference ovvero i Pacers che, nel secondo incontro casalingo, devono scrollarsi di dosso le moltissime critiche piovutegli nel post-Gara 1.
In realtà anche stavolta è la squadra avversaria a partire bene e dopo il vantaggio dei padroni di casa nei primi minuti gli Hawks ribaltano la situazione con un vantaggio di 5 punti che durerà fino alla fine del quarto.
Nel secondo quarto cresce la precisione al tiro dei Pacers e cresce soprattutto Paul George, gli ospiti rispondono colpo su colpo e la franchigia di Larry Bird riesce a recuperare un punto.
Al ritorno dall’intervallo lungo quelle che scendono in campo sono due squadre completamente diverse.
Indiana ingrana le marce e comincia da subito a martellare gli avversari. Atlanta rimane all’angolo, come un pugile intontito dai troppi pugni presi, e sbaglia tutto lo sbagliabile.
Con un Paul George particolarmente ispirato (8 punti nel terzo quarto per lui) e un George Hill chirurgicamente preciso (10 punti per lui nel terzo quarto), i Pacers raggiungono gli avversari e sferrano il colpo di grazia con la tripla allo scadere di Paul George.
La partita ormai ha cambiato binario, ai Pacers rimane solo di condurre e controllare fino al suono della sirena.
Serie che va in Georgia con le squadre in perfetto equilibrio.

C.J. Watson (Peak Relentless PE), Jeff Teague (adidas D Rose 4.5)

C.J Watson (Peak Relentless PE), Jeff Teague (adidas D Rose 4.5)

David West (adidas adiZero Crazy Quick PE)

David West (adidas adiZero Crazy Quick PE)

George Hill (Peak Hill PE), DeMarre Carroll (Nike Air Bakin)

George Hill (Peak Hill PE), DeMarre Carroll (Nike Air Bakin)

Luis Scola (Anta Scola 4)

Luis Scola (Anta Scola 4)

Paul Millsap (Nike Zoom Crusader)

Paul Millsap (Nike Zoom Crusader)

 

BROOKLYN NETS 95 – TORONTO RAPTORS 100

 

L’eterno duello tra la maturità dell’uomo e la freschezza del giovane va in onda all’Air Canada Centre per la Gara 2 del primo turno di Post Season.
Di nuovo a fronteggiarsi l’esperienza di un quintetto che conosce molto bene le fasi importanti del campionato (non come Team, ovviamente, ma come individualità) ed un quintetto che ha fatto del gioco di squadra e dell’aggressività la propria arma a sorpresa.
I Raptors sono chiamati al difficile compito di sorprendere una squadra fatta di uomini esperti come KG e Paul Pierce e soprattutto dovranno cercare di sfuggire all’impostazione flemmatica di gioco dei Nets.
Questo è quello che i Raptors fanno fin dalla palla a due. Il pubblico canadese costituisce di certo un carburante che fomenta il roster di Toronto che, con la complicità della scarsa percentuale al tiro degli avversari nei minuti finali, riesce a riportare la vittoria in casa.
Come detto è Toronto a partire bene e a portarsi in vantaggio alla fine del primo tempo. Al ritorno in campo la musica cambia, i Raptors si fanno imbrigliare dalle maglie difensive dei Nets e gli ospiti si riportano in vantaggio.
Il quarto parziale di gara vede i Raptors agguantare il pareggio in un paio di occasioni, fino all’affondo nei minuti finali quando tre tiri dal campo di Paul Pierce non centrano il bersaglio, consegnando di fatto il pareggio nelle mani degli avversari.
Si va a New York, anche qui, con la serie in pareggio.

DeMar DeRozan (Nike Kobe 9 Elite “Detail”)

DeMar DeRozan (Nike Kobe 9 Elite Details

Joe Johnson (Jordan Super.Fly 2.0 PO PE), Amir Johnson (Air Jordan III “Black Cement”)

Joe Johnson (Jordan Super.Fly 2.0 PO PE), Amir Johnson (Air Jordan III Black Cement)

Jonas Valanciunas (Nike Hyper Quickness)

Jonas Valanciunas (Nike Hyper Quickness)

Terrence Ross (Air Jordan X “Steel”), Alan Anderson (Nike Hyperdunk 2013)

Terrence Ross (Air Jordan X Steel), Alan Anderson (Nike Hyperdunk 2013)

 

WASHINGTON WIZARDS 101 – CHICAGO BULLS 99

 

Nella notte in cui Joakim Noah viene premiato come difensore dell’anno, proprio davanti al pubblico amico dell’Illinois, i Chicago Bulls vedono la serie orientarsi pericolosamente a favore degli avversari.
Di certo i Bulls non mollano fino all’ultimo secondo, questo va sempre riconosciuto alla squadra di coach Thibodeau, ma alla fine dell’overtime i Wizards riportano la sfida nel palazzetto di Washington con il rassicurante doppio vantaggio.
Partita che vive di emozioni diverse con le squadre che si scambiano la testa dell’incontro fino ai minuti finali.
Si arriva a pochi secondi dalla fine con il risultato che vede parità tra le due squadre a 91 punti. Palla in mano agli ospiti, Beal si defila sulla destra e Noah chiarisce a tutti (qualcuno aveva ancora qualche dubbio???) perchè è stato eletto difensore dell’anno: Overtime!
Anche qui parità tra le squadre ma a pochi secondi dalla fine Washington è avanti di 2. Fallo di Nene su Hinrich. Il giocatore dell’Iowa sbaglia il primo libero, poi il tentativo estremo di forzare l’errore sul secondo per pareggiare non porta i frutti sperati.
Ora si vola nella Capitale con i Wizards in vantaggio di due lunghezze.

Joakim Noah (adidas adiZero Crazy Light PE)

Joakim Noah (adidas adiZero Crazy Light PE)

John Wall (adidas adiPure Crazy Light 2.0 PE), Kirk Hinrich (Nike Zoom Crusader)

John Wall (adidas adiPure Crazy Light 2.0 PE), Kirk Hinrich (Nike Zoom Crusader)

Nene  (Nike Hyperdunk 2013 PE)

Nene  (Nike Hyperdunk 2013 PE)

Trevor Ariza (Nike Zoom HyperRev PE)

Trevor Ariza (Nike Zoom HyperRev PE)

Vi lasciamo con le migliori giocate della notte NBA!!!

 

Photo Credits: ESPN