NBA Feet: Pre-Season, Dodicesimo Giorno

Solo cinque partite nella notte per la Pre-Season NBA.
Boston patisce la quarta sconfitta su cinque partite stavolta per mano dei non irresistibili Toronto Raptors.
Nulla da eccepire alla squadra canadese,ma i Celtics del giovane Stevens sembrano essere veramente poca cosa. Con un roster quasi al completo, ad eccezione della superstar Rajon Rondo, la squadra più titolata del’NBA sembra essere distante anni luce dai fasti di un tempo nemmeno troppo lontano. Del resto, l’idea della dirigenza era quella di rifondare e ripartire da zero, ma per i tifosi bostoniani sarà difficile digerire una stagione dove la qualificazione ai Playoff sembra un miraggio o un miracolo.
Male anche la nuova speranza Phil Pressey che in 22 minuti di gioco mette assieme 5 assist e 0 punti. Non un grande sforzo per i Raptors, dunque, ad avere la meglio su questi Celtics. Dopo i primi due parziali equilibrati, è al rientro dall’intervallo lungo che i canadesi mettono in ghiaccio la partita, prendendo 12 punti di vantaggio sui rivali. Il quarto quarto è solo da gestire per Toronto che conclude la partita col risultato di 97 a 99.

D.J. Augustin (Nike Sharklaid PE) e Phil Pressey (Air Jordan IV “Fire Red”)

.J. Augustin (Nike Sharklaid PE), Phil Pressey (Air Jordan IV Fire Red)

Avery Bradley (Nike Air Foamposite “Whiteout”)

Avery Bradley (Nike Air Foamposite White Out)

Jeff Green (Jordan Prime.Fly) e DeMar DeRozan (Nike Kobe 8 System)

Jeff Green (Jordan Prime.Fly), DeMar DeRozan (Nike Kobe 8 System)

Jonas Valanciunas (Nike KD V)

Jonas Valanciunas (Nike KD V)

Jordan Crawford (Nike KD V)

Jordan Crawford (Nike KD V)

Terrence Ross (Air Jordan XIII “Bred”)

Terrence Ross (Air Jordan XIII Bred)

Lo United Center di Chicago riassapora la gioia di vedere il proprio beniamino in campo e lui, Derrick Rose, si fa apprezzare per il solito impegno profuso. Sembra che alla fine la tattica riabilitativa, molto criticata, di saltare i Playoff abbia dato i suoi frutti. D-Rose sembra essere lo stesso visto l’ultima volta in campo lo scorso anno, un giocatore tutto velocità e cambi di direzione. Nella serata per lui 22 punti in 22 minuti. Avversario di questo turno di Pre-Season, i Detroit Pistons ancora orfani di Jennings, Datome e Billups. Manca qualcosa al gioco della squadra del Michigan e il fatto che il Top Scorer sia Kentavious Caldwell-Pope la dice lunga sulla prestazione dell’intero roster.

Derrick Rose (adidas D Rose 4) e Will Bynum (Air Jordan XI “Bred”)

Derrick Rose (adidas D Rose 4), Will Bynum (Air Jordan XI Bred)

Greg Monroe (Nike Hyperdunk 2013) e Joakim Noah (adidas Crazyghost) 

Greg Monroe (Nike Hyperdunk 2013), Joakim Noah (adidas Crazyghost)

Josh Smith (adidas Crazyghost PE)

Josh Smith (adidas Crazyghost PE)

Kirk Hinrich (Nike Lunar Hypergamer Low)

Kirk Hinrich (Nike Lunar Hypergamer Low)

Senza Hill, West e Hibbert e nonostante il pubblico amico, Indiana si infrange sul muro alzato dai Dallas Mavericks.
Per i texani fondamentale è il rientro di “The Matrix”, importante doppia doppia per lui: 18 punti e 11 rimbalzi. Se a questo si somma la solidità di Wunder Dirk e l’estro di Monta Ellis, 9 assist per lui, Dallas sembra quasi poter rivivere una seconda giovinezza.

Dirk Nowitzki (Nike Lunar Hyperdunk 2012 PE) e Chris Copeland (adidas adiPure Crazyquick)

Dirk Nowitzki (Nike Lunar Hyperdunk 2012 PE), Chris Copeland (adidas adipure Crazyquick)

Jae Crowder (Nike Hyperflight “Royal Blue”)

Jae Crowder (Nike Hyperflight Royal Gamma Blue)

Lance Stephenson (AND 1 Tai Chi Mid PE)

Lance Stephenson (AND 1 Tai Chi Mid PE)

Monta Ellis (Air Jordan XIII “Flint”)

Monta Ellis (Air Jordan XIII Flint)

Orlando Johnson (Nike Kobe 8 System)

Orlando Johnson (Nike Kobe 8 System)

Rientrati dalla tournee in Cina, gli Houston Rockets si aggiudicano la prima sfida di fronte al pubblico casalingo del Toyota Center. Migliore in campo, ancora una volta è il barbuto James Harden con 21 punti, assistito dal duo Beverley-Motiejunas. Partita sostanzialmente equilibrata che si decide solo all’ultimo quarto quando, dove più che a una crescita dei Rockets si assiste ad un rilassamento dei Magic. Partita che si conclude sul 108 a 104 con i Rockets che incassano la terza vittoria.

Aaron Brooks (Nike Hyperfuse 2013)

Aaron Brooks (Nike Hyperdunk 2013)

Dwight Howard (adidas D Howard 4)

Dwight Howard (adidas D Howard 4)

Jameer Nelson (Reebok Zignano Pro Fury) 

Jameer Nelson (Reebok Zignano Pro Fury) drives the ball past Houston Rockets' Patrick Beverley

James Harden (Nike Lunar Hypergamer Low PE)

James Harden(Nike Lunar Hypergamer Low PE)

Terrence Jones (Nike LeBron X “Home”)

Terrence Jones (Nike LeBron X Home)

La classe di Damian Lillard e la prontezza difensiva/offensiva ai rimbalzi di Robin Lopez fanno la differenza nella sfida tra Blazers e Jazz.
Partita divisa in due fasi, i primi due quarti in cui i Jazz sono sempre avanti. Poi il riposo lungo e al rientro nel terzo quarto la squadra di Portland che recupera e si porta avanti rispetto agli avversari. Nel quarto quarto poi la squadra di Lillard e soci mantiene il risultato sempre in vantaggio. Altra squadra che potrà infastidire i grandi nomi quest’anno può essere proprio Portland che può contare sempre sull’apporto di LaMarcus Aldridge.

Damian Lillard  (adidas D Rose “Englewood” Low), Derrick Favors (adidas adiZero Crazylight 3.0) e John Lucas III (Nike KD VI)

Damian Lillard  (adidas d rose Englewood Low), Derrick Favors (adidas adiZero Crazylight 3.0), John Lucas III (Nike KD VI)

Dorell Wright (Li-Ning Way of Wade) e Gordon Hayward (Nike Hyperaggressor ) 

Dorell Wright (Li Ning Way of Wade), Gordon Hayward (Nike )

LaMarcus Aldridge (Nike Air Max Hyperposite PE)

LaMarcus Aldridge (Nike Air Max Hyperposite PE)

Meyers Leonard (Nike Hyperdunk 2013)

Meyers Leonard (Nike Hyperdunk 2013)

Photo Credits: ESPN, NBA