NBA Feet: Regular Season, 5 Dicembre 2013

NEW YORK KNICKS 113
BROOKLYN NETS 83

La “guerra tra poveri” si conclude con la vittoria dei Knicks, che ci tengono a ribadire la loro padronanza in fatto di territorialità.
Knicks avanti dal primo all’ultimo minuto della gara con un Andrea Bargnani sfolgorante nel primo quarto con otto punti a segno.
E’ il terzo periodo dell’incontro che affossa definitivamente le vane speranze di rimonta dei Nets, con ben cinque triple mandate a canestro dai tiratori della squadra allenata da coach Mike Brown. Nel computo finale saranno ben 16 i tiri dalla lunga distanza mandati a segno per i Knicks, contro i 4 dei Nets.
Nets inesistenti con il solo Lopez a meritare l’ampia sufficienza con 24 punti e 9 rimbalzi.

MIAMI HEAT 87
CHICAGO BULLS 107

Chicago senza Derrick Rose non è più la stessa squadra di inizio stagione.
Ma è ben risaputo l’odio sportivo che corre tra le due franchigie e soprattutto tra giocatori simbolo come LeBron James e Joakim Noah. Lo United Center prova a sostituire col calore del tifo la mancanza tecnica del numero 1 dei Bulls.
E l’oprazione sembra riuscire. Gli Heat orfani di D-Wade vengono strapazzati dalla squadra di casa sino allo scarto massimo di 25 punti nel terzo quarto. Ci si aspetta il solito ritorno di fiamma della squadra di coach Spoelstra ma la difesa di Chicago si chiude e concede solamente sei rimbalzi offensivi ai campioni NBA in carica.
Il quintetto titolare di Miami, che conta gente come James, Battier e Bosh tra le sue fila, conclude l’incontro con 0, dicasi zero rimbalzi offensivi a referto.

LOS ANGELES CLIPPERS 101
MEMPHIS GRIZZLIES 81

600esima vittoria per Doc Rivers, che è terzo tra gli allenatori in attività per numero di vittorie e 23esimo di sempre.
Vittoria arrivata per i Clippers nella seconda parte della gara, nel primo tempo infatti è stata la difesa a reggere la squadra losangelina, come ha dichiarato a fine partita Blake Griffin.
Poi nel secondo tempo la svolta, prima il recupero dei punti di svantaggio, poi il sorpasso con la tripla di CP3 a sei minuti dalla fine del terzo quarto. Di lì in poi il vantaggio dei Clippers si è solo dilatato permettendo un risultato finale che esprime una netta superiorità per L.A.

Carmelo Anthony (Jordan Melo 1.5)

Carmelo Anthony (Jordan Melo 1.5)

Chris Paul (Jordan CP3.VII)

Chris Paul (Jordan CP3VII)

Iman Shumpert (adidas Crazy 8)

Iman Shumpert (Adidas Crazy 8)

J.R. Smith (Nike KD VI “Precision Timing” PE)

J.R. Smith (Nike KD VI Precision Timing PE)

Jamal Crawford (Brandblack Raptor High)

Jamal Crawford (Brandblack Raptor High)

Joe Johnson (Jordan Super.Fly Low), Metta World Peace (Ball‘n The Yessir)

Joe Johnson (Jordan Super.Fly Low), Metta World Peace (BALL'N The Yessir)

Kevin Garnett (Anta KG4)

Kevin Garnett (Anta KG4)

Kosta Koufos e DeAndre Jordan (Nike Zoom Soldier VII)

Kosta Koufos e DeAndre Jordan (Nike Zoom Soldier VII)

LeBron James (Nike LeBron X PS Elite)

LeBron James (Nike LeBron X PS Elite)

Mario Chalmers (Spalding Threat PE)

Mario Chalmers (Spalding Threat PE)

Marquis Teague (adidas D Rose 773 II)

Marquis Teague (adidas D Rose 773 II)

Ray Allen (Air Jordan XX8 SE PE)

Ray Allen (Air Jordan XX8 SE PE)

Raymond Felton (Under Armour Anatomix Spawn PE)

Raymond Felton (Under Armour Anatomix Spawn PE)

Spike Lee (Nike Air Foamposite One “Knicks”)

Spike Lee (Nike Air Foamposite One Knicks)

Photo Credits: ESPN, NBA