NBA Feet: Regular Season, 8 Novembre (Seconda Parte)

OKLAHOMA CITY THUNDER 119
DETROIT PISTONS 110

I tifosi italiani dell’NBA in questa giornata hanno trovato più di un motivo per saltare sulla sedia. Difatti non è stato solo il Mago Bargnani ad aver fatto strabuzzare gli occhi dell’italico pubblico.
Sul parquet del Palace of Auburn Hills di Detroit, Gigi Datome ha dato un saggio del suo valore. Ancora non in completa forma fisica, il Gigione nazionale rimane in campo per 12 minuti, mettendo a segno 6 punti. Più che altro Datome è protagonista nell’azione che lo porta, alla sua terza presenza in NBA, a finire tra le dieci migliori azioni della giornata.

 

Partita che viene comunque vinta dai padroni di casa grazie, e non ci sarebbe nemmeno bisogno di dirlo, alla prova strepitosa di un KD35 da trentasette punti e del suo compagno di scorribande Russell Westbrook.

Andre Drummond (Nike Kobe 8 “Blitz Blue”), Russell Westbrook (Air Jordan XX8 SE “Veterans Day” PE)

Andre Drummond (Nike Kobe 8 “Blitz Blue”),Russell Westbrook (Air Jordan XX8 SE “Veterans Day” PE)

Brandon Jennings (Under Armour Micro G Charge Volt Low PE)

Brandon Jennings (Under Armour Micro G Charge Volt Low PE)

Josh Smith (adidas Crazy 8)

Josh Smith (adidas Crazy 8)

Kevin Durant  (Nike KD VI N7) 

Kevin Durant  (Nike KD VI N7) (2)

Kevin Durant  (Nike KD VI N7) 

Kevin Durant

Luigi Datome (Nike Kobe 8 System PP)

Luigi Datome (Nike Kobe 8 System PP)

Rodney Stuckey (adidas Crazy Shadow 2)

Rodney Stuckey (adidas Crazy Shadow 2)

Will Bynum (Air Jordan XI “Bred”)

Will Bynum (Air Jordan XI Bred)

 

BROOKLYN NETS 108
WASHINGTON WIZARDS 112

Seconda in panchina per Jason Kidd e seconda sconfitta consecutiva per i suoi Nets. Nella capitale degli Stati Uniti la squadra di casa ha avuto bisogno di un overtime per avere la meglio sulla ben più blasonata franchigia della Grande Mela. Grande partita di Bradley Beal, Top Scorer dell’incontro con 29 punti, e di Nene ma il protagonista e Game Winner dell’incontro è Trevor Ariza.

 

In campo per 44 minuti riesce a combinare solo due punti fino a 40 secondi dalla fine dell’overtime quando riceve palla e spara la bomba che chiude l’incontro.
Primi scricchiolii interni nei Nets, squadra assemblata con molti soldi e molti nomi, ma che fatica a trovare una continuità nei suoi uomini e soprattutto nel gioco.

Bradley Beal (Nike Hyperdunk 2013), Kevin Garnett (Anta KG4)

Bradley Beal (Nike Hyperdunk 2013), Kevin Garnett (ANTA KG4)

Deron Williams (Nike Hyperfuse 2013 PE), Al Harrington (Nike LeBron X “Home”)

Deron Williams ike Hyperfuse 2013 PE), Al Harrington (Nike LeBron X Home)

Marcin Gortat (Nike Hyperdunk 2013), Brook Lopez (adidas adiPure Crazyquick)

Marcin Gortat (Nike Hyperdunk 2013), Brook Lopez (adidas adiPure Crazyquick)

Nene (Nike Hyperdunk 2013), Andray Blatche (Air Jordan X “Steel”)

Nene (Nike Hyperdunk 2013), Andray Blatche (Air Jordan X Steel)

 

UTAH JAZZ 73
CHICAGO BULLS 97

Bulls in controllo totale dal primo al quarantottesimo minuto di gioco.
Jazz che con il quintetto titolare riescono a mettere insieme solamente 43 punti, solo il trio Boozer, Deng e Rose ha fatto meglio dei cinque dello Utah.
Per i Bulls doppia doppia di Boozer e Deng, padroni dello spazio sotto canestro in senso difensivo. Se a questo si aggiunge il solito agonismo di Noah e la classe innata di Rose è facile darsi una risposta sul punteggio finale.

Derrick Rose (adidas D Rose 4)

Derrick Rose (adidas D Rose 4)

Jimmy Butler (adidas Crazy 8)

Jimmy Butler (adidas Crazy 8)

John Lucas III (Air Jordan XI Low White/Black), Erik Murphy (adidas Crazy 8)

John Lucas III (Jordan Super.Fly Low), Erik Murphy (adidas Crazy 8)

Taj Gibson (adidas adiPure Crazyghost), Gordon Hayward (Nike Hyperdunk 2013)

Taj Gibson (adidas adiPure Crazyghost), Gordon Hayward (Nike Hyperdunk 2013)

 

DALLAS MAVERICKS 108
MINNESOTA TIMBERWOLVES 116

Kevin Love, Kevin Martin. Identico nome, identico numero di punti messi a segno nella sfida coi Mavericks.
32 punti ciascuno, per Love addirittura 15 rimbalzi.
Due squadre molto simili anche per la composizione fisica dei quintetti. Nei Mavs splende l’estro di Monta Ellis che mette a segno 23 punti e tante giocate impressionanti.
Quintetti che combattono punto a punto in tutti e tre i quarti, con un massimo vantaggio per Minnesota di quattro punti.
Gli ultimi dodici minuti permettono ai T-Wolves di prendere un margine anche di 10 punti a pochi secondi dalla fine dell’incontro.

Alexey Shved (Nike Kobe 8 System)

Alexey Shved (Nike Kobe 8 System)

Dirk Nowitzki (Nike Hyperdunk 2012 PE), Kevin Love (361° Love 3.0)

Dirk Nowitzki (Nike Hyperdunk 2012 PE), Kevin Love (361° Degrees Love 3.0)

Monta Ellis (Air Jordan XX3 “UNC”)

Monta Ellis (Air Jordan XX3 UNC)

Nikola Pekovic (Nike Hyper Quickness)

Nikola Pekovic (Nike Hyper Quickness)

Shawn Marion (Nike Hyperfuse 2013)

Shawn Marion (nike Hyperfuse 2013)

 

LOS ANGELES LAKERS 85
NEW ORLEANS PELICANS 96

Non basta tutto il quintetto in doppia cifra ai Lakers, notizia già di per sé rilevante, viste le prove fornite dallo starting five da inizio stagione, per avere la meglio sui Pelicans.
La squadra di casa viene trascinata dal giocatore di maggior talento, Anthony Davis, che mette a segno una prova maiuscola con 32 punti e 12 rimbalzi.Proprio nell’ultimo quarto il numero 23 di New Orleans realizza 14 punti, distaccando definitivamente i Lakers in una partita fino ad allora equilibrata.

Jordan Farmar (Nike Kobe 8 System “Sulfur”)

Jordan Farmar (Nike Kobe 8 System Sulfur)

Nick Young (Air Jordan III “Fear”), Tyreke Evans (Nike Hyper Quickness PE )

Nick Young (Air Jordan 3 “Fear”), Tyreke Evans (Nike Hyper Quickness PE )

Pau Gasol (Nike Hyperdunk 2013 PE), Anthony Davis (Nike Air Max Hyperposite PE)

Pau Gasol (Nike Hyperdunk 2013 PE), Anthony Davis (Nike Air Max Hyperposite PE)

Steve Blake (Nike Kobe 8 System iD)

Steve Blake (Nike Kobe 8 System iD)

 

GOLDEN STATE WARRIORS 74
SAN ANTONIO SPURS 76

All’AT&T Center di San Antonio partita noiosissima tra Spurs e Warriors.
Forse tra le cause del basso punteggio e del poco brio in campo c’è l’assenza di Stephen Curry. Il coach gialloblu decide di lasciare a riposo la star della squadra della California e il gioco ne risente.
44 e 46 punti dei quintetti di entrambe le squadre sono veramente poco per infiammare il pubblico texano.
Top Scorer dell’incontro è Tony Douglas con 21 punti partendo dalla panchina.

Andre Iguodala (Nike Hyperfuse 2013 Low PE)

Andre Iguodala (Nike Hyperfuse 2013 Low)

Draymond Green (Nike LeBron X “Prism”)

Draymond Green (Nike LeBron X Prism)

Kawhi Leonard (Jordan Super.Fly 2)

Kawhi Leonard (Jordan Super.Fly 2)

Tim Duncan (adidas adiZero Crazyquick PE)

Tim Duncan (adidas adiZero Carzyquick PE)

Toney Douglas (Nike Hyperfuse 2013 Low)

Toney Douglas (Nike Hyperfuse 2013 Low)

 

DENVER NUGGETS 103
PHOENIX SUNS 114
Partita pazza in Arizona dove i Suns controllano i primi due quarti, salvo poi crollare e cedere 20 punti ai Nuggets. Ultima frazione di gioco in cui sono i Nuggets a gettare alle ortiche il vantaggio accumulato e incassare la quarta sconfitta dall’inizio della stagione.

Migliore in campo Ty Lawson con 29 punti ma per la squadra di Denver male sia McGee che Faried che insieme riescono a mettere solo 5 punti sul tabellino.

Altra notizia è che Nate Robinson non tenta nemmeno una tripla nell’incontro. A suo favore c’è da dire che il piccolo grande uomo viene impiegato in campo per soli 7 minuti.

Andre Miller (Reebok SubLite Pro Rise PE)
Andre Miller (Reebok SubLite Pro Rise PE)
Darrell Arthur (Air Jordan X “Steel”)
Darrell Arthur (Air Jordan X Steel)
Gerald Green (Reebok Q 96)
Gerald Green (Reebok Q 96)
Ish Smith (Nike Zoom Soldier VII), Nate Robinson (Air Jordan V)
Ish Smith (Nike Zoom Soldier VII), Nate Robinson (Air Jordan V)
JaVale McGee (Air Jordan XIII “Squadron Blue”)
JaVale McGee (Air Jordan 13 “Squadron Blue”)
Jordan Hamilton (Nike Air Zoom Flight ’98 “The Glove”)
Jordan Hamilton (Nike Air Zoom Flight '98 The Glove)
Kenneth Faried (adidas Crazy Shadow 2 PE)
Kenneth Faried (adidas Crazy Shadow 2 PE)
Miles Plumlee (Nike Hyperdunk 2013)
Miles Plumlee (Nike Hyperdunk 2013)
Ty Lawson (Nike Zoom Soldier VII)
Ty Lawson (Nike Zoom Soldier VII)
SACRAMENTO KINGS 91
PORTLAND TRAIL BLAZERS 104

Gigantesca partita del quintetto di Portland che mette tutto il quintetto in doppia cifra con Lillard e Aldridge sopra i 20 punti. A poco servono i 35 punti di un Cousins a livelli da All-Star Game visto che i compagni non seguono molto l’ispirazione del loro uomo migliore.
Tornthon e Salmons con soli 7 punti in due mentre dalla panchina arrivano si punti, ma non abbastanza per rendere equilibrata la gara.

Damian Lillard (adidas Crazy 8 “Derrick Rose”)
Damian Lillard (adidas Crazy 8 Derrick Ros
DeMarcus Cousins (Nike LeBron 11 “Terracotta Warriors”)
DeMarcus Cousins (Nike LeBron 11 Terracotta Warriors)
Greivis Vasquez (Under Armour Anatomix Spawn “Veterans Day” PE)
Greivis Vasquez (Under Armour Anatomix Spawn Veterans Day PE)
Isaiah Thomas (Reebok Kamikaze II PE)
Isaiah Thomas (Reebok Kamikaze II PE)
John Salmons (adidas adiPure Crazy Light 3 “Veterans Day” PE)
John Salmons (adidas adiPure Crazy Light 3 Veterans Day PE)
LaMarcus Aldridge (Nike Air Max Hyperposite PE)
LaMarcus Aldridge (Nike Air Max Hyperposite PE)
Photo Credits: ESPN, NBA