Nike Air Presto, a t-shirt for your feet

Probabilmente Nike Air Presto è il prodotto universalmente più acclamato è rappresentativo dell’Alpha Project. La scarpa, lanciata inizialmente nei primi anni 2000 in tredici diverse colorazioni (ognuna delle quali presentava curiosi e a volte inusuali nicknames come Trouble at home, Unholy Cumulus, Brutal Honey– tra l’altro per la prima volta Nike utilizzava dei soprannomi ufficiali per le diverse colorazioni di una scarpa) rappresenta un nuovo tassello nell’ambito dell’evoluzione delle sneakers da running lightweight, nel segno di illustri predecessori quali Sock Racer (1986) ed Air Rift (1996).

Presto

presto2
Air Presto ”Dark Lava”

La Air Presto è diventata quasi immediatamente culto presso molti appassionati e runners, complice il design avveniristico, la versatilità e la possibiità di utilizzare la tomaia sintetica come vero e proprio canvas per le colorazioni più disparate, per collaborazioni (famose quanto introvabili le colabs ”Hello Kitty” voluta da Sanrio e la ”Hawaii” frutto del lavoro con SoleCollector) o per l’opzione iD -una delle prime sneakers a ricevere questo trattamento.  Comoda per correre, bella da vedere e semplicemente perfetta per il periodo estivo.

Come già saprete la sizing della scarpa rimandava a quella delle t shirt, dalla XXS alla XXL, ricalcando il tema ”t-shirt for your feet” che era lo slogan di lancio della sneaker.

presto1
Le Presto ”Hawaii” frutto della collaborazione con SoleCollector.com, anno 2005, limitata a 48 paia

Una suola waffle in Duralon, una midsole ultraleggera in Phylon con cuscinetto Air incapsulato, una gabbia in materiale plastico ed un calzino in Neoprene. Less is more. Molti dei design Nike sono concettualmente stati studiati seguendo il ”comandamento” di Bill Bowerman: ”A second skin for the feet”. Diciamo che con le Presto il risultato è stato centrato in pieno.

Tobie Hatfield, fratello del più famoso Tinker, fu la mente dietro le Nike Presto, e subito dopo anche di Nike Free. Per sua stessa ammissione, il lavoro svolto per Nike Presto fu molto importante per la sua successiva creazione negli anni seguenti.

Più Presto

Esistono molte versioni diverse delle Air Presto, fra cui ricordiamo:

– una versione boot mid-cut, le Presto Roam, prodotte intorno al 2002 e protagoniste anche di una collaborazione limitata con HTM, curiosamente non presentano i 5 punti tipici delle Alpha Project;

presto roam htm
Presto Roam HTM- quando le versioni ”boot” delle sneakers avevano un senso

– Le Presto Faze, rilasciate intorno al 2002, caratterizzate da una gabbia in Elastollan di dimensioni maggiori rispetto al normale, totalmente senza lacci. La suola presentava un’interessante soluzione all’avampiede, sotto la suola c’era un anello in gomma ad aumentare il grip col terreno. Era la versione più leggera e veloce della Presto;

– Le Presto Escape, anche loro totalmente slip-on senza lacci, furono protagoniste di una serie di colorazioni molto suggestive, fra cui ricordiamo la versione ”Korea Development”, rilasciata per celebrare il laboratorio di ricerca Nike in Korea, al quale dobbiamo molte innovazioni tecnologiche in materia sneakers;

Presto Escape Kor Dev
Presto Escape Korea Development

– Le Presto Gym, destinate al cross-training, presentava una midsole ed una gabbia maggiorate che consentissero maggiore protezione durante le varie sessioni di allenamento;

– Le Presto Foot Tent, caratterizzata da un inusuale “tenda” esterna in nylon mesh che racchiudeva il lacing system ed il calzino in neoprene;

– Le Presto Chanjo, slip on senza lacci e senza gabbia, per consentire massima libertà di movimento e massima adattabilità al piede;

presto5
Presto Chanjo ”Wolf Grey”

Photo Credits: Sole Collector