Nike rende onore a Kobe con un semplice “Now, Show Us Again”.

La stagione dei Lakers non è stata stellare come quasi tutti si attendevano. Ok, sono appena iniziati i Playoff ma le premesse per un’uscita di scena rapida ci sono tutte. Mixare e amalgamare tutto quel talento è stato forse troppo difficile per staff tecnico e giocatori stessi. Va detto che a parziale giustificazione si può far notare come lo stato di forma e gli infortuni di tutti i big della squadra abbiano pesato enormemente sui risultati e sulla scarsa chimica che si è venuta a creare.

Anche Kobe, l’uomo di ferro che non si sarebbe mai tirato indietro, ha dovuto gettare la spugna: il tendine d’achille ha fatto crack e la stagione è finita a due partite dalla postseason. Era stato il primo a crederci quando i Lakers navigavano nelle pozze aquitrinose della Western Conference (tra la nona e tredicesima posizione), fuori dalla zona Playoff e alternando prove dignitose ad altre disastrose, senza mai dare realmente il segno della svolta e non facendo mai intravedere la luce in fondo al tunnel. Quando quasi nessuno ci credeva più il 24 ne era convinto: “..non c’è dubbio, andremo ai Playoff!”  furono le sue parole, appena qualche giorno dopo la scomparsa di Jim Buss. E’ così è stato. A suon di prestazioni aliene è riuscito a compattare e portare la squadra dove ormai nessuno quasi credeva più, prima che il suo tendine lo abbandonasse.

Alcuni hanno sostenuto che con quel chilometraggio NBA e quell’età forse la carriera di Kobe potesse anche finire così, che da un infortunio simile difficilmente ci si sarebbe ripresi. Se mai ce ne fosse bisogno, quelle insinuazioni alimentarono il fuoco della nuova sfida: tornare per dimostrare di essere ancora il numero uno. Ed è quello che farà, statene certi. Ci proverà con ostinazione, con tutte le sue forze.

Nike ha voluto omaggiare la stella gialloviola con una serie di frasi che hanno toccato il cuore dello stesso Kobe,  hanno sottilineato ogni record e chiuso con una richiesta: Ora Fallo Ancora! Kobe, che non si aspettava un simile gesto, ha voluto farlo sapere a tutti dal suo profilo Twitter.

Non ci resta che aspettare e fare un grosso in bocca al lupo a Kobe, sperando di rivederlo nel più breve tempo possibile in maglia gialloviola.