Player’s Kicks: Tracy McGrady

Tracy McGrady è nato nel Maggio del 1979 ed ha iniziato la sua carriera NBA nel 1997 quando venne sezionato come nona scelta assoluta dai Toronto Raptors. Sedici anni dopo, nell’Agosto del 2013, T-Mac annuncia il suo ritiro dall’NBA dopo aver giocato con le maglie di Raptors, Magic, Rockets, Knicks, Pistons, Hawks e Spurs.

McGrady è nato e cresciuto in Florida, giocando tre anni a pallacanestro per la Auburndale High School per poi trasferirsi, per un anno, alla Mount Zion Christiana Academy in North Carolina. Nominato giocatore delle High School dell’anno decide di saltare il college per andare a giocare direttamente tra i pro e in questo suo ultimo anno di liceo Tracy McGrady indossa le adidas Top Ten 2000.

Tmac Adidad Top 10 2000

Nella sua prima stagione gioca meno di tredici minuti a partita, trovando difficile l’adattamento alla vita in Canada, tanto da dichiarare di sentirsi solo e di passare molto tempo della giornata a letto a dormire.

Le cose però cambiano in fretta. Durante il Draft del 1998 i Raptors scelgono Vince Carter, cugino di T-Mac, e i due diventano inseparabili, partecipando l’anno successivo alla ormai celebre gara delle schiacciate di Oakland. I minuti di T-Mac incrementano sempre più e McGrady viene seriamente considerato come uno dei migliori sesti uomini della stagione. I Raptors, grazie al suo contributo, raggiungono per la prima volta i Playoff nella storia della franchigia e McGrady chiude la stagione con 15 punti, 6 rimbalzi, 3 assist e quasi 2 stoppate a partita. Nei suoi tre anni a Toronto Tracy ha sempre indossato adidas, le più note sono le adidas Real Deal.

Tmac Sneaker Raptors

Al termine della stagione 1999-2000 McGrady è Free Agent e decide di firmare un contratto di sei anni per 67 milioni di dollari con gli Orlando Magic. Tracy sceglie Orlando perché il ruolo di secondo violino, dietro al cugino Vince Carter, gli va stretto e inoltre gli permette di tornare a giocare a casa sua, in Florida. I Magic quello stesso anno mettono sotto contratto, sempre come Free Agent, anche Grant Hill che però giocherà solo quattro partite a causa di problemi dovuti a infortuni. Questa situazione permette a T-Mac di diventare il leader indiscusso della squadra.

Tracy McGrady chiude la sua prima stagione a Orlando con oltre 26 punti, 7 rimbalzi e 4 assist di media, viene selezionato per l’All-Star Game e per il secondo quintetto NBA e vince, a sorpresa, l’NBA Most Improved Player Award, il riconoscimento che ogni anno l’NBA conferisce al giocatore che più si è migliorato rispetto alle stagioni precedenti. I Magic vengono eliminati ai Playoff dai Bucks, dove McGrady tira fuori in Gara 3 una partita da 42 punti, 10 rimbalzi e 8 assist.

Nella sua seconda stagione NBA McGrady mette a referto oltre 25 punti a partita con quasi 8 rimbalzi e 5 assist a partita. Viene selezionato nuovamente per il secondo quintetto NBA ma i Magic perdono nuovamente al primo round dei Playoff contro gli Hornets.

E’ solo in questa stagione, quella del 2002, che T-Mac ottiene le sue prime Signature Shoe firmando un contratto con adidas. Il primo modello del giocatore sono le adidas T-MAC 1. Questa scarpa al periodo era molto popolare, tanto che anche un giovane LeBron James le indossava nelle sue partite con il St. Vincent-St. Mary High School.

adidas tmac 1

Nella stagione 2002-2003 McGrady segna oltre 32 punti di media vincendo il titolo di miglior marcatore della stagione. I Magic giungono nuovamente ai Playoff e per la prima volta sembrano vicini a passare il turno. Guidano la serie tre a uno contro i Pistons ma alla fine T-Mac viene eliminato nuovamente al primo turno. Per questa stagione adidas rilascia sul mercato le T-MAC 2.

adidas tmac 2

La stagione 2003-2004 non parte nei migliori dei modi. Doc Rivers viene licenziato dopo 11 partite e un record di 1 vittoria e 10 sconfitte e inoltre iniziano i primi malumori tra il numero uno dei Magic e il GM di Orlando John Weisbrod. In questa stagione McGrady mette a segno il suo record personale di punti segnati con 62, chiudendo la stagione con una media di 28 punti. Ai piedi Tracy indossa le adidas T-MAC 3.

adidas tmac 3

Nel Giugno del 2004 McGrady viene ceduto agli Houston Rockets. Nella trade sono coinvolti tra gli altri Steve Francis, Cuttino Mobley, Cato e Juwan Howard.

L’accoppiata McGrady-Ming garantisce ai Rockets un record di 51 vittorie e 31 sconfitte. Durante la stagione è memorabile la prestazione di McGrady che segna 13 punti in meno di 35 secondi contro gli Spurs.

McGrady cambia casa e adidas decide di ridisegnare completamente la linea a lui dedicata realizzando le T-MAC 4.

adidas tmac 4

McGrady segna oltre 30 punti nel primo turno dei Playoff ma la sua squadra esce nuovamente sconfitta.

La stagione 2005-2006 è un anno pieno di infortuni per McGrady che comunque, nonostante le poche partite giocate in stagione, viene selezionato per giocare l’All-Star Game. La partita delle stelle si gioca a Houston e i suoi compagni dell’Ovest cercano in tutti i modi di fargli vincere il premo di MVP, che però poi andrà a LeBron James. Per questa stagione adidas realizza le T-MAC 5.

adidas tmac 5

Stagione 2006-2007: McGrady diventa il terzo giocatore più giovane della storia a realizzare 14.000 punti e 4.000 rimbalzi. I Rockets escono nuovamente ai Playoff contro i Jazz nonostante gli sforzi del numero 1 di Houston. Le ultime parole di T-Mac in quella stagione furono: “I tried, man, I tried”.

La stagione 2007-2008 vede i Rockets decimati dagli infortuni ma incredibilmente la squadra riesce a vincere 22 partite di seguito. Gli infortuni si fanno sempre più seri e a Maggio T-Mac viene operato ad entrambe le ginocchia. I Rockets raggiungono nuovamente i Playoff ma il destino non cambia e vengono eliminati al primo turno dai Jazz. Ai piedi di McGrady ci sono le adidas TS Lightspeed.

shoes_adidas_ts_tmacd

I Rockets passeranno il primo turno solo l’anno successivo, venendo eliminati al turno successivo contro i Lakers futuri campioni NBA. McGrady però in quell’edizione dei Playoff non giocherà nemmeno una partita a causa dei suoi problemi fisici.

A Febbraio 2010 gli Houston Rockets cedono McGrady ai New York Knicks. Al debutto nella Grande Mela, T-Mac segna 26 punti. Al termine della stagione scade anche il contratto del giocatore che diventa di nuovo Free Agent.

Siamo alla stagione 2009-2010 dove McGrady firma un contratto di un anno con i Pistons. I 22 minuti a partita Tracy fanno registrare una media di 8 punti e 3 assist a partita. Al termine della stagione firma un altro annuale ma questa volta con gli Hawks, mettendo a segno solo 5.2 punti di media. Durante la sua esperienza a Detroit ha indossato vari modelli adidas tra cui le TS Commander.

tracy-mcgrady-sneaker-history-32

Con gli Hawk indossa le adidas Crazy Light:

Atlanta Hawks v Boston Celtics - Game Three

Nell’Ottobre 2012 Tracy McGrady sbarca in Cina e gioca con il Qingdao Eagles. La squadra finisce ultima nel campionato cinese con 8 vittorie e 24 sconfitte. Per McGrady 25 punti, 7 rimbalzi e 5 assist a partita.

Ad Aprile gli Spurs firmano con T-Mac per il resto della stagione. McGrady mette piede in campo solo in rare occasioni mentre gli Spurs arrivano alle finali NBA perse poi in sette partite contro gli Heat.

Il 26 agosto 2013 Tracy McGrady annuncia il ritiro dal basket NBA, lasciando le porte aperte per una possibile esperienza oltreoceano.

Photo Credit: Nice Kicks, Sneaker Report