The comeback: Nike Air Pressure

Nel 1989 un prezzo di 180$ per un paio di sneaker era considerato decisamente eccessivo, più di quanto sia considerato eccessivo oggi il cartellino con scritto $350.
Proprio in quell’anno però Reebok e Nike hanno dato alla luce due sneaker con tecnologie innovative come la Reebok Pump e la Nike Air Pressure, entrambe con sistemi ad aria e con l’asticella del prezzo alzata fino a sopravvivere $170.
Quelle con lo Swoosh non ebbero lo stesso successo delle gemelle diverse targate Reebok, che ebbero un grande successo grazie a testimonial come Dominique Wilkins e alla estrema facilità di attivazione del sistema.
Il 2016 sarà l’anno giusto?
Secondo Nike i tempi sono maturi per il ritorno di una tecnologia che fu una vera e propria rivoluzione al momento dell’uscita: infatti le Air Pressure sono dotate di una camera d’aria che, gonfiata con una pompetta esterna, permette di far aderire la scarpa al piede.
Il ritorno è fissato per il 14 Gennaio e non possiamo che esserne felici visto che la fedeltà all’originale dell’89 è stata mantenuta anche per l’iconica scatola trasparente che vi farà sentire come uno dei fortunati che non si lasciarono scappare la prima uscita di queste Air Pressure. La fedeltà all’originale rimane, ahinoi, anche per il retail price, fissato a 300$, e sussiste ancora qualche dubbio circa la release europea.

Siete disposti a tutto per mettervi nei panni, anzi, nelle scarpe dei pionieri di questa tecnologia?

SNKRBX Nike Air Pressure (1)

SNKRBX Nike Air Pressure (3)

SNKRBX Nike Air Pressure (2)

SNKRBX Nike Air Pressure (4)

SNKRBX Nike Air Pressure (5)

 

Photo Credits: Sneaker News