THE TEN – il progetto di Nike e Virgil Abloh

Fin da quando sono apparsi i primi scatti rubati, le prime news e le prime voci riguardo una collaborazione tra Nike ed Off-White, in molti abbiamo cominciato a pensare che avremmo probabilmente visto qualcosa di nuovo, per una volta non soltanto riguardo l’aspetto tecnico ma finalmente anche riguardo l’aspetto creativo.

Virgil Abloh non credo abbia bisogno di presentazioni. L’architetto, DJ, designer, direttore creativo e amico di Kanye West (in rigoroso ordine d’importanza) ha semplicemente preso il ruolo che gli è stato subito attribuito, ovvero quello di “creativo” e ha deciso di rivoluzionarlo completamente, contribuendo alla nascita di alcuni degli standard che identificano lo streetwear odierno.

Escluso il fattore estetico e stilistico, uno degli elementi che impressiona di più della collaborazione tra Nike ed Off-White è la dimensione del progetto.

Sono ben dieci i modelli coinvolti: Air Jordan 1, Air Vapormax, Air Max ’90, Blazer, Air Presto, Air Force One Low, Air Max ’97, Vaporfly, Hyperdunk 2017 e Converse Chuck Taylor.
Dieci modelli iconici, quasi cento anni di storia delle calzature sportive tra il più vecchio ed il più recente.

REVEALING

“Most of the creative decisions were made in the first three hours.”

La prima serie di collaborazioni ideata da Abloh per Nike è caratterizzata dall’esposizione degli elementi che identificano i modelli scelti: materiali, colori, tecnologie utilizzate. É questo il fattore che accomuna i primi cinque modelli della serie “The Ten”, ovvero: Air Jordan 1, Air Max ’90, Air Presto, Air Vapormax e Blazer.

Oltre al recupero di elementi presenti nell’archivio Nike (come il rinforzo sulla punta della Blazer, lo swoosh “bold” della Vapormax, lo strap sul tallone della Presto), Abloh ha voluto sottolineare come la genesi di questi cinque modelli sia stata molto rapida e dettata da ritmi altissimi: il processo creativo veniva definito in circa tre ore, mentre la realizzazione durava due o tre giorni, quella della Air Jordan 1 soltanto uno. Il concept dietro a questi modelli è molto complesso, ma realizzato in maniera semplice e con strumenti reperibili ovunque da chiunque.

L’unico fondamentale? Un bisturi da disegno utilizzato per “sezionare” le scarpe e spostare alcuni elementi, proprio come Abloh fece fin dalla sua prima visita a Beaverton, quando applicò la sua “cura” ad un paio di Air Force One Low nere finite ai piedi del suo team alla sfilata di Miami in cui presentò per la prima volta i prodotti Off-White.

GHOSTING

“What I’ve learned from playing sports and also being obsessed with design is that there is an inherent style and focus that exists amongst athletes and designers alike: What propels them to be the best comes from deep within.”

A far parte di questo secondo gruppo di modelli sono invece: Air Max ’97, Vaporfly, Air Force One Low, Hyperdunk 2017 e Converse Chuck Taylor. L’approccio è molto diverso, l’aspetto è decisamente più pulito ed il link tra i modelli è l’utilizzo di un materiale bianco semitrasparente per quasi tutte le superfici. Anche in questo gruppo di modelli ritorna l’utilizzo delle scritte bold per definire materiali e tecnologie, così come i “misplaced checks”. A rendere questo gruppo davvero particolare, è il percorso effettuato da Abloh con la scelta dei modelli nella storia delle sneakers da corsa e per la pallacanestro: dalla Air Max ’97 si arriva all’odierna Vaporfly, mentre partendo dalla Chuck Taylor si arriva prima alla leggendaria Air Force One e poi alla nuova Hyperdunk React.

Le modalità di release di “The Ten” sono tanto particolari quanto le dieci collaborazioni.

Infatti, Nike ha organizzato due “Nike Off Campus”, in cui sarà possibile scoprire di più riguardo il percorso che ha portato alla selezione delle dieci icone ed alla realizzazione della collabo con Off-White. Il primo Campus si svolgerà dal 6 all’8 settembre a NYC, mentre il secondo è fissato per i giorni dal 14 al 17 settembre in diverse location a East London.

Le prime cinque sneakers del progetto “The Ten” (Air Jordan 1, Blazer, Air Presto, Air Max 90 e Air Vapormax), saranno disponibili in anteprima nei NikeLab di New York City (9-13 settembre), Londra (18-22 settembre), Milano (21-25 settembre) e Parigi (26-30 settembre).

La collezione completa dei dieci modelli scelti sarà disponibile a partire da novembre nei NikeLab ed in selezionatissimi premium retailers Nike.